I canali distributivi nel settore assicurativo Italiano L’analisi dell’ANIA

I canali distributivi nel settore assicurativo Italiano L’analisi dell’ANIA. Il rapporto “L’Assicurazione Italiana 2024” ANIA, pubblicato lo scorso 2 luglio, svolge un’analisi sui canali distributivi utilizzati dalle compagnie assicurative in Italia nel 2023, con un focus particolare sui settori Vita, Danni e Auto.
Nel 2023, i canali distributivi principali per le assicurazioni Vita in Italia hanno incluso sportelli bancari e postali, agenti assicurativi, consulenti finanziari e promotori. In particolare, i prodotti multiramo hanno visto il 55% dei premi raccolti tramite sportelli bancari e postali. Gli agenti assicurativi continuano comunque a svolgere un ruolo cruciale, offrendo consulenza personalizzata e assistenza continua ai clienti. Grazie alla loro competenza e presenza capillare sul territorio, gli Agenti sono in grado di costruire relazioni di fiducia con i clienti, facilitando la vendita e la gestione delle polizze.
Il settore delle assicurazioni Danni ha registrato una crescita significativa nel 2023, con i premi che sono aumentati del 6,6%, raggiungendo un volume di 38 miliardi di euro. Questo aumento è stato sostenuto dai canali distributivi tradizionali come agenti e broker, che hanno contribuito in modo sostanziale alla raccolta dei premi nei rami RC Auto e Natanti (+4,3%) e negli altri rami Danni (+7,7%).

La digitalizzazione sta trasformando rapidamente il settore, con un numero crescente di polizze vendute direttamente tramite piattaforme online. Questo canale, secondo l’ANIA, sta guadagnando importanza grazie alla sua comodità e accessibilità, offrendo ai consumatori la possibilità di confrontare e acquistare polizze in modo semplice e veloce.

Nel ramo dell’assicurazione Auto, i premi contabilizzati nel 2023 sono aumentati del 4,3%, raggiungendo 12,2 miliardi di euro. Questo incremento segna una controtendenza rispetto agli ultimi undici anni, durante i quali i premi erano diminuiti. Anche in questo settore, agenti e broker rappresentano la spina dorsale della distribuzione delle polizze RC Auto e delle coperture aggiuntive come furto e incendio.

Le vendite dirette tramite siti web e applicazioni mobili sembrano in aumento, così come quelle tramite le partnership con concessionari auto.

Il rapporto mette in luce alcune tendenze e innovazioni che, per l’Associazione delle Imprese, stanno influenzando i canali distributivi nel settore assicurativo. L’ANIA ritiene che l’adozione di tecnologie digitali stia rivoluzionando la vendita e la gestione delle polizze. Le Compagnie stanno investendo in piattaforme online, app mobili e strumenti di intelligenza artificiale per migliorare l’esperienza del cliente e aumentare l’efficienza operativa. Grazie all’analisi dei big data, le compagnie assicurative sono in grado di offrire polizze sempre più personalizzate, adattate alle esigenze specifiche di ciascun cliente.

I canali distributivi nel settore assicurativo Italiano L'analisi dell'ANIA
Foto di Aurélia da Pixabay

 

Alessandra Schofield

Iscritta all’Ordine dei Giornalisti del Lazio, da oltre vent'anni sono vicina alle realtà associative di primo e di secondo livello degli Agenti d’assicurazione, prestando consulenza professionale nell’ambito della comunicazione. All’attivo ho anche un’esperienza nel mondo consumeristico. Attualmente collaboro con AUA Agenti UnipolSai Associati, dedicandomi a questo grande e coinvolgente progetto con passione ed entusiasmo.