Macroeconomia e settore assicurativo I dati ANIA

Macroeconomia e settore assicurativo I dati ANIA.Il n. 4/Aprile 2024  di ANIA Trends Newsletter dell’ufficio studi per aprile 2024 offre un’ampia panoramica su vari aspetti economici e finanziari, con particolare attenzione alla situazione macroeconomica globale, alle politiche monetarie delle principali banche centrali, e al settore assicurativo. Ecco una sintesi dei contenuti principali:

  • Le previsioni macroeconomiche per il 2024 e 2025 indicano un andamento differenziato tra le diverse aree geografiche, prevedendo un rallentamento della crescita economica degli Stati Uniti mentre l’area dell’euro mostra una ripresa più contenuta
  • Non ci sono state modifiche ai tassi di riferimento sia da parte della Banca Centrale Europea (BCE) che della Federal Reserve americana (Fed). Per quanto riguarda le indicazioni future, la BCE sembra più incline a tagli futuri dei tassi di interesse, a differenza della Fed che mantiene una posizione più cauta
  • Si è verificato un rialzo generalizzato nei prezzi delle materie prime, con aumenti significativi nei prezzi del petrolio e dell’oro. Allo stesso tempo, si è osservata una stabilizzazione degli indici azionari europei dopo un periodo di crescita.

Il settore assicurativo italiano mostra segni di stabilità con un aumento significativo nei nuovi affari nel settore Vita e una crescita nei premi nel settore Danni. Si nota anche una lieve diminuzione nella frequenza dei sinistri nel settore auto, sebbene i costi medi dei sinistri siano aumentati.
Gli investimenti delle imprese assicurative italiane mostrano un saldo complessivamente negativo tra plusvalenze e minusvalenze, soprattutto nel settore vita, a causa delle fluttuazioni nei mercati obbligazionari.
Il Solvency ratio, che indica la capacità di copertura dei rischi da parte delle imprese assicurative, rimane su livelli elevati, segnando una buona stabilità finanziaria del settore.

  • Nel febbraio 2024, la nuova produzione Vita delle imprese italiane ed extra-UE ha registrato un incremento significativo rispetto all’anno precedente, con un aumento del 12,1%, raggiungendo i 7,5 miliardi di euro. La crescita è stata spinta principalmente dal ramo I (polizze individuali), che ha rappresentato oltre tre quarti dell’intera nuova produzione Vita.
  • Nel 2023, il settore Danni ha registrato una crescita significativa nei premi contabilizzati, con un aumento annuo del 7,7%, portando il totale a 44,7 miliardi di euro. Il ramo auto ha visto un incremento dell’8%, mentre i rami danni diversi dall’auto hanno segnato un aumento del 7,4%.
  • Frequenza dei Sinistri nel Ramo Auto: Nel 2023, la frequenza dei sinistri nel ramo auto ha mostrato una lieve diminuzione del 1,3%, pur registrando un aumento del costo medio dei sinistri del 4,2%.
  • A fine marzo 2024, il settore assicurativo ha mostrato un saldo negativo tra plus e minusvalenze dello stock di investimenti, specialmente nel settore vita, indicando una sfida nel mantenimento di rendimenti elevati in un ambiente di mercato volatile.
  • Alla fine del 2023, il Solvency ratio del settore assicurativo italiano è stato pari al 258%, indicando un buon livello di capitale disponibile rispetto ai rischi assunti, con un miglioramento rispetto all’anno precedente
  • Il settore continua a mostrare segni di resilienza e adattabilità in risposta alle sfide economiche e di mercato. Tuttavia, l’ambiente rimane competitivo e soggetto a pressioni inflazionistiche che influenzano i costi e le prestazioni.

Alessandra Schofield

Iscritta all’Ordine dei Giornalisti del Lazio, da oltre vent'anni sono vicina alle realtà associative di primo e di secondo livello degli Agenti d’assicurazione, prestando consulenza professionale nell’ambito della comunicazione. All’attivo ho anche un’esperienza nel mondo consumeristico. Attualmente collaboro con AUA Agenti UnipolSai Associati, dedicandomi a questo grande e coinvolgente progetto con passione ed entusiasmo.